Cerca nel Sito >>
cerca tra le pagine di Sestri online

Sestri Levante e Sporting Recco: che colpacci! Ligorna: ora è crisi vera


Check-in

calendar

Check-out

calendar

Giornata numero 27 nel campionato di Serie D con le genovesi che vanno tutte a segno meno una, il Ligorna che affronta un momento assai difficile.

I genovesi vengono letteralmente sommersi da una Massese in cerca di riscatto dopo alcune prestazioni non eccellenti e i troppi pareggi (3 nelle ultime 5 uscite), che hanno costretto i bianconeri a rincorrere il Gavorrano, ora nuovamente a una distanza “abbordabile” dai massesi (4 punti).

Venendo ai biancoblù, la situazione si fa complicata. I ragazzi di Sabatini vengono travolti da un tennistico 2-6 da parte della squadra toscana che certifica, una volta di più il periodo di grande difficoltà affrontato dai liguri. 27 sono le reti subite nel girone di ritorno da Chiarabini e compagni, a fronte di sole 11 marcature a favore per un totale di 6 punti fatti in 10 partite. Una media da retrocessione che infatti ha progressivamente fatto sprofondare i biancoblù dall’ottavo posto occupato a dicembre, prima della pausa, al tredicesimo attuale, ovvero il primo all’interno della zona playout.

Contro la Massese il ko comunque ha sorpreso tutti per come è arrivato. Checchi ha messo subito le cose in discesa per i toscani con una doppiette in tre minuti (al 13° ed al 16°). I liguri provano a reagire, ma non riescono a rientrare in gara. Così dopo la pausa arrivano altri due gol, di Barone al 50° e Maccabruni al 52° che chiudono virtualmente il match e piegano le residue resistenze dei genovesi. Al 74° Biasci sigla la sua 15^ rete stagionale con lo 0-5 prima che Chiarabini e Rebecca rendessero meno amaro il passivo con due reti in rapida successione. Non è finita perché Meite fissa il punteggio sul 2-6 al 94° spalancando le porte della zona calda della classifica.

Per una delusione cocente arrivano altre tre vittorie da parte delle genovesi. La Lavagnese non deve neanche sudare per avere d’ufficio lo 0-3 sul derelitto Grosseto, privo di stadio e di dignità sportiva (e che inevitabilmente finirà con il falsare il risultato del campionato). I tre punti fanno comodo ai bianconeri di Tabbiani che salgono a quota 49 e restano in corsa per un eventuale terzo posto, allungando sul Montecatini a +7.

I risultati eclatanti di giornata arrivano dal Sestri Levante e dallo Sporting Recco. I corsari vincono e convincono contro la capolista Gavorrano, che aveva fin qui patito due sole sconfitte in tutto il campionato e che finisce gambe all’aria in quel del “Sivori”. I rossoblù passano già al 14° con Oneto, bravo a trasformare in oro l’assist di Ianniello. Poi i corsari conservano il pallino del gioco e vanno al riposo in vantaggio.

Ad inizio ripresa, però i minerari pareggiano con l’ex lavagnese Brega, che risolve una mischia insaccando da pochi passi. Il Sestri rialza in fretta la testa e capisce di poter far male. Al 62° Ianniello viene atterrato da Ropolo in area. Per l’arbitro è rigore, ma Mobilio dal dischetto non è abbastanza freddo e si fa parare il tiro dal portiere ospite. Poco male, perché un quarto d’ora dopo Pane se ne va in fascia, crossa al centro dove arriva puntuale Ianniello che riporta, definitivamente, in vantaggio i rossoblù. Per il Sestri un grande passo avanti, e l’uscita dalla zona playout ai danni dei cugini del Ligorna.

Grande prova infine, anche dello Sporting Recco che torna a fare punti e sono punti pesantissimi contro il Valdinievole Montecatini in lotta per i playoff. I bianconeri giocano un gran primo tempo, sfiorano due volte il gol con Lagzir e Zizzari, vere e proprie spine nel fianco dei biancocelesti. Proprio il talentuoso marocchino al 43° prima calcia da ottima posizione, Biggeri respinge sui piedi dello stesso Lagzir che viene messo a terra da Milianti. Dal dischetto va Zizzari che si fa parare il tiro dal portiere termale, ma sulla respinta il bomber spezzino ribadisce in rete per il vantaggio recchelino.

Nella ripresa il Montecatini alza il baricentro e chiude nella propria metà campo lo Sporting che tuttavia rischia solo due volte, con Piscopo prima, bravo a controllare di petto ed a calciare al volo in diagonale, pur senza trovare la porta, e con Granito che sotto misura non inquadra e manda fuori. Nel finale, i bianconeri restano in dieci per l’infortunio di Alagona alla mano, ma nessun cambio disponibile per Mango. Ciò nonostante hanno ancora l’occasione più limpida della ripresa con Righetti che a tu per tu con Biggeri gli calcia addosso sprecando. Finisce 0-1 comunque e per i bianconerdi si riaccendono le speranze salvezza.

The post Sestri Levante e Sporting Recco: che colpacci! Ligorna: ora è crisi vera appeared first on Genova24.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *